Corso SZ

   

Corso Fotografico

Esporre col Sistema Zonale

Il perno su cui è costruito e ruota il Sistema Zonale è il concetto di visualizzazione.
Avremo cioè, attraverso la piena comprensione del metodo, la possibilità di interpretare il
soggetto modificandone la scala tonale.

Con questo corso imparerete ad esporre e sviluppare la pellicola secondo i criteri del Sistema Zonale. Tecnica che fu sviluppata alla fine del 1930 dal fotografo e insegnante Ansel Adams, presso l’Art Center School di Los Angeles, con il contributo di un altro grande istruttore, Fred Archer.

Negli anni successivi il Sistema Zonale fu sottoposto alle verifiche della pratica dell’insegnamento fotografico, subendo diverse modifiche, sviluppi e varianti. Oggi è pratica comune utilizzarlo con una scala di Zone e valori che va dalla Zona 0 alla Zona X (le Zone sono contrassegnate con i numeri romani).  In questa scala la Zona 0 e la Zona X rappresentano rispettivamente il nero più profondo e il massimo bianco che è possibile ottenere sulla stampa.

La Zona V rappresenta il punto mediano geometrico (grigio medio), la Zona I e la Zona IX rappresentano la prima variazione tonale distinguibile dagli estremi (gamma dinamica), infine c’è la parte che va dalla Zona II alla Zona
VIII (gamma superficiale), ed è in queste sette Zone (o sette stop) che è possibile racchiudere il dettaglio del nostro soggetto.

La piena comprensione di questo metodo operativo, permette di determinare l’esposizione e il procedimento di sviluppo ottimale, per restituire in stampa l’intera gamma tonale (se lo desideriamo) del soggetto che stiamo fotografando.

Pellicola Kodak T-Max 400 – Sviluppo N-1

In questo esempio potete vedere la gamma di luminanze
del soggetto e l’esposimetro Spot che si utilizza per
leggerle. Imparando a vedere come “vede” la pellicola
saremo in grado di trasmettergli le giuste informazioni.

Impareremo a leggere il contrasto del soggetto per vedere come “vede” la pellicola, la chiave per una soddisfacente applicazione della visualizzazione consiste nel far arrivare al negativo le giuste informazioni.
Conosceremo le numerose possibilità offerte dai vari metodi di sviluppo, capiremo che l’esposizione della pellicola e il suo trattamento devono considerarsi un tutt’uno, sebbene vengano svolti in momenti diversi.

Molti appassionati di fotografia (ma anche professionisti) non hanno un metodo comprovato per esporre e sviluppare le proprie pellicole. Spesso cercano di basarsi sull’esperienza che via via accumulano con il metodo “prova e sbaglia”, oppure delegano le proprie speranze a qualche accoppiata pellicola rivelatore, che qualche amico
o la “rete” gli hanno promesso essere miracolose!

Inutile dire che questo modo empirico di procedere, è spesso gravato da insuccesso, inoltre la scarsità o alternanza nei risultati, genera confusione e  frustrazione.
La verità è che non esiste una pellicola, un rivelatore o qualche altro materiale in grado di fornire risultati eccellenti in ogni condizione di ripresa, inoltre affidando i propri risultati al caso o ai materiali, rinunciamo alla parte più intima e appagante, quella creativa!

Il Sistema Zonale è uno strumento potente, che consente di liberare la visualizzazione, permettendoci di tradurre in stampa la gamma di  luminanze del soggetto così come noi  vogliamo che esse risultino sotto forma di valori di grigio.

Pellicola Kodak T-Max 100 – Sviluppo N+2

Al fine di implementare e trasmettere più nozioni
possibili il corso si svolgerà con 1 o massimo 2
partecipanti. Se lo si desidera è possibile tenere il
corso anche nel weekend.

Pellicola Ilford HP5 Plus – Sviluppo N+1

PROGRAMMA
Parte I
Introduzione al Sistema Zonale (lezione di 4 ore).

– Cos’è e cosa permette
– Le Zone e il Concetto di Visualizzazione
– Esponi per le ombre e sviluppa per le luci
– Esponiamo e sviluppiamo una pellicola (sviluppo normale)

Parte II
Le pellicole e la sensibilità ISO, estensione e contrazione dello sviluppo (lezione di 4 ore).

– Le pellicole, sensibilità nominale e sensibilità effettiva
– Sviluppi differenziati N+1 N+2 / N-1 N-2
– La Visualizzazione vola ma esistono dei limiti
– Uno stesso soggetto, molti modi di interpretarlo (adesso possiamo)

Costi

Corso completo
Il corso ha una durata di 8 ore ed è comprensivo di pellicola e chimici.
Euro 150
Corso Parte I
Introduzione al Sistema Zonale (lezione di 4 ore). Euro 80
Corso Parte II
Le pellicole e la sensibilità ISO, estensione e contrazione dello sviluppo
(lezione di 4 ore). Euro 80

Il corso avrà luogo presso la nuova Camera Oscura di Pistoia

 

Richiedi informazioni riguardo la foto con il modulo sottostante:

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

Esporre col Sistema Zonale

Traditional Film Photography